Biblioteca elettronica gratuita

Il vino nell'antica Roma. Così bevevano i Romani - Lorenzo Dalmasso

PREZZO: GRATIS
FORMATO: PDF EPUB MOBI
DATA DI RILASCIO: 20/10/2014
DIMENSIONE DEL FILE: 8,52
ISBN: 9788898689705
LINGUAGGIO: ITALIANO
AUTORE: Lorenzo Dalmasso

Tutti i Lorenzo Dalmasso libri che leggi e scarichi da noi

Descrizione:

Della gastronomia romana conosciamo molto, quasi tutto, grazie ai trattati culinari fortunatamente giunti fino a noi. Più oscuro, difficile da ricostruire è il loro rapporto con il vino: ancora più importante del cibo, se possibile, perché legato ad una dimensione spirituale, oltre che materiale. Il vino come tramite, "ponte" verso la dimensione del divino: ma un divino inquietante, imprevedibile e irrazionale. E vero che il vino in Roma si beveva diluito e mai puro? E non solo con acqua (anche calda) ma persino con resine e profumi? Che si preferivano i vini invecchiati dai tre lustri in su? Che alle donne era severissimamente proibito berne - salvo poi che Livia, la moglie di Augusto, si vantasse di avere raggiunto l'età di ottantasei anni facendone largo uso? A queste e a molte altre curiosità storiche, letterarie ed artistiche sul vino dei Romani risponde questo volume agile e divulgativo.

... Il file è in formato EPUB: risparmia online con le offerte IBS! Il vino all'epoca dei Romani ... Alimentazione nell'antica Roma - Wikipedia ... . Le origini della viticoltura romana. La viticoltura romana affonda le sue radici nella cultura greca ed etrusca.Di per sè stessa, con tutta probabilità la vite è specie autoctona nella penisola e non vi era stata importata da altri popoli. In molti casi le viti erano tenute incolte, ossia allo stato selvatico, dalle popolazioni autoctone. Il vino nell'antica Roma. Così bevevano i Romani è un libro di Dalmasso Lorenzo pubblicato ... Il vino nell'Antica Roma ... . Il vino nell'antica Roma. Così bevevano i Romani è un libro di Dalmasso Lorenzo pubblicato da Wingsbert House , con argomento Vini; Roma antica - ISBN: 9788898689705 Nell'antica Roma i vini bianchi, rossi, della penisola italica e d'importazione erano molto apprezzati, ma non è detto che, oggi, quel tipo di vino ci attirerebbe perché, in molti casi, i gusti dei Romani erano molto diversi dai nostri: bevevano vino allungato con acqua di mare, aromatizzato con spezie e addirittura mescolato al garum, la salsa di pesce fermentata sempre presente nella ... Il vino prodotto dagli antichi Romani era ben diverso da quello che troviamo oggigiorno sulle nostre tavole. Il vino di allora era molto più liquoroso che veniva annacquato per non essere troppo forte.Il vino veniva diluito con dell'acqua con un rapporto di due quantità di acqua e uno di vino.Questo perché il vino veniva consumato in occasioni speciali. Acquista il libro Il vino nell'antica Roma. Così bevevano i Romani di Lorenzo Dalmasso in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La Feltrinelli. I Pompeiani, come i Romani, amavano mangiare pasteggiando vino, o farsi un goccio ogni tanto per rallegrarsi, come nelle osterie romane che ancora sopravvivono a Roma. Ce ne sono ampi resti negli scavi di Pompei ed Ercolano, ma Roma ne era piena. Del resto durante la giornata ogni scusa era buona per bere un buon bicchiere di vino. Il vino nell'antica Roma. Così bevevano i Romani è un libro scritto da Lorenzo Dalmasso pubblicato da Wingsbert House Il primo "bicchiere" utilizzato per bere vino sembra sia stato il corno di bue. L'uso di annacquare il vino prima di mescerlo comincia a scomparire nell'ultimo scorcio dell'epoca imperiale con il tramonto della cultura greco-romana, ma principalmente durante il Medioevo, anche perchè cambia la composizione ed il vino assume sempre più le caratteristiche di quello attuale. Nell'antica Roma, infatti, i vini erano diversificati in molti modi differenti: dolce (dulce), morbido (soave), molle (lene), debole (fugens), pieno (firmum), aspro, austero e alcolico. La bevanda veniva anche venduta dai mercanti e, solitamente, era trasporta...